Betting exchange PDF Stampa E-mail

 

Letteralmente "scambio di scommesse", è un nuovo modo di rapportarsi con il mondo delle scommesse sportive. Chiamato anche P2P (Peer to Peer), questo nuovo sistema ha rivoluzionato il modo di agire degli scommettitori. I siti che offrono questo prezioso servizio (i due più importanti sono Betfair e Betsson), pur non essendo propriamente dei bookmakers, agiscono da intermediari e fanno incontrare domanda e offerta di scommesse. Le quote si modificheranno come mutano i prezzi nei mercati azionari. In questo modo lo scommettitore oltre a puntare su un determinato evento, normalmente a quote mediamente più alte, può anche decidere di "bancare" un risultato, comportandosi in pratica da bookmaker, vincerà in tutti i casi in cui quel determinato risultato non si verificherà. Ogni qual volta si decide di bancare occorre però avere una disponibilità finanziaria tale da coprire l'eventuale esito positivo dell'evento.

 

I termini tecnici sono "back" e "lay", rispettivamente puntare e bancare. Il vantaggio principale consiste nell'avere quote più alte, l'unico margine a favore dei siti di exchange è rappresentato dalla commissione del 5% sulle vincite nette degli scommettitori. Lo svantaggio principale invece è quello di non poter investire grosse somme negli incontri minori, perché non ci saranno molti scommettitori disposti a bancare. Inoltre non è possibile realizzare scommesse multiple. Tuttavia avendo sempre la doppia opzione, back e lay, il divertimento degli scommettitori aumenta notevolmente rispetto alla scommessa classica.

 

 

Ti piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!

Puoi votare le mie notizie anche in questa pagina.
 

Condividi